Silvano Danesi

Febbraio 10, 2016

San Paterio (sec.VIII), 25 vescovo di Brescia

Archiviato in: Brescia e i bresciani — Vate @ 3:25 pm

( cura di Mario Bertoli)

Gli storici, quasi concordemente, assegnano a S.Paterio un episcopato breve. Gli annuari diocesani lo collocano tra il 630 e il 643.
In un discorso del vescovo Ramperto, Paterio figura come il sedicesimo vescovo di Brescia dopo S. Filastrio, quindi il venticinquesimo nei dittici della Chiesa bresciana, tra Paolo III e Anastasio.
Il suo nome, di sapore esotico, ha fatto pensare ad una probabile origine orientale, ma si tratta solo di una congettura senza alcuna solida prova.
L’epoca del suo episcopato cade nel periodo del pontificato di Gregorio Magno e forse per questo viene erroneamente identificato in quel discepolo Paterio che il pontefice dice essere suo notaio secondicerio.
Il Martirologio bresciano assegna al santo un posto in più nelle sue pagine al 25 febbraio, per ricordarne la traslazione del corpo, nel 1478, da S. Eufemia della Fonte a S. Eufemia entro le mura.
Il vescovo Landolfo II aveva trasportato il corpo del santo dalla prima sepoltura in S. Fiorano, alla chiesa abaziale di S. Eufemia della Fonte, dove rimase sepolto, nella cripta del monastero, fino al 1478. Dopo che i monaci ebbero costruito il nuovo monastero in città, il 25 febbraio 1478 il venerato corpo del Santo fu traslato nella grande chiesa di S. Eufemia dentro le mura.
Nella Diocesi di Brescia a S.Paterio è dedicata la chiesa parrocchiale di Paisco, piccolo paese della Valle Camonica.

Questa è la lapide che si vede nella parte destra della facciata della chiesa di S.Paterio (vedi disegno di Luigi Sportelli). Il testo è stato evidenziato in nero per renderlo leggibile. La traduzione è “1477 I monaci posero la prima pietra di questa cappella quando il mondo aveva Pontefice Sisto quarto, il doge Andrea Vendramin reggeva i popoli veneti (traduzione di mons. Ilario Manfredini)”. (archivio Mario Bertoli)

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.

Funziona con WordPress