Silvano Danesi

Settembre 19, 2011

Adelino Ruggeri

Archiviato in: Uncategorized — Vate @ 10:20 am

  adelino-ruggeri.jpglogo-loggia-zanardelli-840.jpg

Adelino Ruggeri

Titolare dell’agenzia investigativa “Cidneo”, Maestro Venerabile delle Loggia Zanardelli 840, Grande Oriente d’Italia, ancora attiva nel 1974.

La Zanardelli 840 era proveniente dalla Famiglia della Gran Loggia d’Italia dopo la scissione Ceccherini, apparteneva al Rito scozzese antico e accettato con Sovrano Gran Commendatore Augusto Piccardi ed era confluita nel Grande Oriente con le logge maschili che avevano seguito Francesco Bellantonio. Risulta già demolita nel 1979.

Augusto Picardi( ex generale fascista ) era Sovrano Gran Commendatore del RSAA di una famiglia di Piazza del Gesù proveniente dalla Gran Loggia d’Italia, con Tito Ceccherini Gran Maestro, il quale, quando muore, viene sostituito all’Ordine dal Gran Maestro Francesco Bellantonio, che nel 1973 realizza l’unificazione con il Grande Oriente d’Italia con Gran maestro Lino Salvini .

Quindi la Zanardelli proviene da Piazza del Gesù e arriva all’ordine del Grande Oriente d’Italia nel 1973 con l’unificazione Lino Salvini/GOI e Francesco Bellantonio /Piazza Del Gesù.

I precedenti

Nel 1962 si determinò la scissione in seno all’Obbedienza della Gran Loggia d’Italia di Piazza del Gesù. Il Gran Maestro Tito Ceccherini aveva rassegnato le sue dimissioni il 14 novembre 1961, confermandole il 14 gennaio 1962 alla Giunta esecutiva. L’Assemblea della Gran Loggia elesse Gran Maestro Giovanni Ghinazzi, il 24 giugno del 1962, ma nel frattempo, il 22 maggio, Ceccherini attuò un ‘colpo di mano’, occupò la sede e annunciò di essere rientrato in carica. Iniziò così una crisi che vide da un lato Giovanni Ghinazzi ristabilire la continuità legittima dell’Ordine e dall’altro il costituirsi di logge di diversa appartenenza. Nel 1973 il successore di Ceccherini, Francesco Bellantonio, sottoscrisse con il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia un “Trattato di unificazione” che venne salutato come la fine della frattura del 1908 e il ritorno all’unità dell’intera comunità massonica italiana.

  

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Spiacente, al momento l’inserimento di commenti non è consentito.

Funziona con WordPress